Relazione anno accademico 2017/2018

SEZIONE CANOA
ANNO ACCADEMICO 2017/2018

Segue relazione delle attività 2017/2018

Gentili Consiglieri,
La stagione appena conclusa ha rappresentato un periodo molto favorevole di consolidamento delle novità strutturali introdotte negli scorsi anni in termini di crescita, visibilità e stabilità ottenute dalla sezione canoa all’interno del CUS MILANO. Il bilancio può dirsi estremamente positivo sia in termini di risultati che di gestione di tutta l’attività promozionale ed agonistica.

Bilancio di una stagione ricca di successi

Per quanto riguarda l’attività tecnica lo staff ha rafforzato le sue piene potenzialità e capacità, incrementando la sua presenza nel continuo obiettivo di sviluppo e crescita. Obiettivo che la sezione si era prefissato già nella scorsa stagione, portato avanti con grande impegno e professionalità di tutti gli attori coinvolti, dirigenti, tecnici, e tanti volontari che quotidianamente lavorano sul campo. La sezione ha dato ampio appoggio alla formazione di nuovi tecnici di base, figure di riferimento idonee alla promozione di corsi di base adatti ai principianti.

Per quanto riguarda le attività di comunicazione sono stati realizzati diversi importanti interventi di comunicazione integrata volti a dare un generoso contribuito alla diffusione dell’attività canoistica al CUS MILANO sia attraverso il costante aggiornamento del sito internet www.cusmilanocanoa.it, sia tramite i social network con la pagina FACEBOOK FB: @CUSMilanoSezioneCanoa ed un account INSTAGRAM IS: cus_milanocanoa. La sezione si è mantenuta a stretto contatto con lo staff Comunicazione del CUS MILANO per gli aggiornamenti di gare, risultati ed eventi.

Sono continuate anche le attività promozionali per far conoscere la canoa al CUS MILANO attraverso la stampa e distribuzione di volantini sia per i corsi base sia comunicati specifici indirizzati agli universitari delle Università milanesi.
Nel corso della stagione è stata riconfermata la campagna pubblicitaria volta a dar maggior visibilità alla canoa all’interno del CUS MILANO. Sono state pubblicate diverse inserzioni pubblicitarie nelle edizioni dei periodici di Segrate.

La campagna “prova gratuita di canoa” è proseguita con grande interesse da parte dell’utenza soprattutto nella bella stagione in cui la struttura del Palacus ha accolto diverse persone interessate ad approcciarsi a questo sport.
Straordinari successi agonistici hanno interessato la sezione Canoa in termini di risultati ottenuti nelle varie competizioni federali a livello regionale e nazionale la cui partecipazione ha dato enormi soddisfazioni nelle diverse specialità:

  • Canoa Olimpica
  • Canoa Discesa
  • Canoa Slalom
  • Canoa Polo
  • Dragon Boat
  • Stand Up Paddle

risultando l’unica società in Italia a coprire per intero tutte le discipline della Federazione Italiana Canoa Kayak.
La partecipazione è sempre stata molto attiva sia da parte della squadra giovanile, sia per le categorie superiori ragazzi, under 23, senior e master.

Il settore giovanile si è ampliato ulteriormente fino a contare un numero considerevole di ragazzi/e che vanno dagli 8 ai 14 anni, sempre più in crescita sia in termini di iscritti (ad oggi nell’ordine della quindicina) che di risultati raggiunti.
La categoria Master (over 36) composta da lavoratori atleti over 36 anni e tecnici sportivi, caratterizzati da una grande passione per lo sport, volontari e tesserati della struttura nonché atleti del settore, parte viva del settore nonché fulcro della crescita che sta interessando la struttura.

Il numero di tesserati iscritti alla sezione canoa ad oggi è pari a 224 persone.

Anche il lavoro della segreteria di sezione ha dato notevole impulso alla gestione dell’attività, avendo svolto diversi compiti importanti quali la coordinazione di tutti i corsi, la gestione dei tesseramenti e di tutte le relative problematiche, consolidando l’autonomia necessaria al buon funzionamento delle relative prassi procedurali.

Attività Sportiva Universitaria

La crescita sta interessando vistosamente anche il settore sportivo universitario vera realtà del CUS MILANO, ad oggi la sezione può vantarsi di contare ben 34 studenti universitari.
Come previsto da Statuto uno degli obiettivi primari degli ultimi anni della sezione è stato dare vita e solidità ad un folto gruppo di studenti universitari sportivi che hanno gareggiato ai CNU 2018 disputati a Taranto.

La squadra capitanata anche quest’anno da Filippo Vincenzi, atleta di punta della sezione, ha conquistato all’evento universitario sportivo annuale ben 5 medaglie d’oro, 2 medaglie d’argento e 3 medaglie di bronzo solo con il settore maschile riuscendo a schierare per la prima volta in acqua non solo kayak ma anche canadesi (settore canoa olimpica).

Ad evidenziare la crescita del settore universitario e la qualità dei ragazzi che ne hanno preso parte sono i numeri: 10 ragazzi per 10 medaglie, 10 medaglie per 12 gare disputate sul bacino pugliese. La possibile e concreta conquista del medagliere purtroppo è mancata per l’assenza del settore femminile.

A dimostrazione della visibilità raggiunta si è concretizzata l’iscrizione per l’anno accademico 2018/2019 da parte di Felia, studentessa universitaria e sportiva spagnola che prenderà parte ai CNU 2019 con i colori del CUS MILANO.

Obiettivi e progetti futuri

È questo trend di crescita dell’attività universitaria in particolare che porta a rimarcare lo sviluppo del movimento canoistico all’interno del CUS MILANO e l’interesse nella struttura Palacus dell’Idroscalo di Milano.
La stabilità e la visibilità della sede che la sezione sta coltivando sono la base per possibilità concrete e proiezioni future che potranno interessare il CUS MILANO nei prossimi anni, con un occhio particolare all’apertura della foresteria destinata ad atleti universitari di interesse nazionale.

Il settore maggiormente interessato ad oggi dal contesto agonistico risulta essere la canoa olimpica della squadra del CUS MILANO Canoa nonostante anche gli altri settori abbiano contribuito positivamente alla visibilità della struttura come ad esempio la promozione di categoria della nuova e prima squadra di canoa polo nella storia del CUS MILANO.

Oltre al settore agonistico il PalaCUS offre tutta una serie di attività ricreative che coinvolgono la struttura facendo visitare la sede ad un grande flusso di persone, come camp e attività ricreative durante il periodo estivo, scuole e dopo scuola per bambini e famiglie.
Nel settore velocità la categoria Over 14 è interessata da competizioni di rilievi nazionale ed internazionale e i risultati conseguiti dal settore hanno incrementato visibilmente la visibilità della struttura e della squadra in tutto il territorio nazionale.

Per l’anno 2019 si iscriveranno al settore altri 4 ragazzi under 23 di interesse nazionale:

  •  Martin Behrens (squadra nazionale Surfski UNDER 23)
  • Marco Paloschi (pluri-campione italiano di categoria 2018)
  • Giulio Bernocchi (pluri-campione italiano di categoria 2018 e componente squadra nazionaleUNDER 23 velocità)
  • Stefano Angrisani (vice-campione italiano UNDER 23 e componente della squadra nazionaleUNDER 23 maratona)

Ragazzi che daranno forza al settore dando vita ad una forte squadra UNDER 23 con l’obiettivo di portare in casa CUS MILANO, oltre ai titoli SENIOR ASSOLUTI già confermati dal settore anche durante il corso della stagione agonistica 2018, titoli di categoria.

Foresteria Interna PalaCUS Idroscalo di Milano

L’apporto positivo ricavato dall’apertura della foresteria interna al PalaCUS nel Gennaio 2017, viene marcato dai trend appena presentati.
I risultati ottenuti in campo nazionale ed internazionale hanno contribuito visibilmente a risaltare e pubblicizzare la realtà in cui il CUS MILANO ha cominciato ad investire due anni fa ospitando il primo atleta universitario della foresteria Filippo Vincenzi (premiato come atleta dell’anno 2017 nella cerimonia del Volo dei Talenti).

L’esperienza vissuta e maturata nelle ultime due stagioni ha così portato il CUS MILANO a proseguire in questa direzione ampliando la possibilità d’accedere e vivere nel PalaCUS ad altri atleti universitari di interesse nazionale. A tal proposito già da settembre la foresteria ospita un nuovo atleta Giulio Bernocchi.

Giulio, classe ‘98, studente e atleta universitario frequentante il secondo anno di Ingegneria dei Materiali al Politecnico di Milano, è reduce da una stagione vissuta da protagonista che l’ha visto numerose volte sul primo gradino del podio ai Campionati Italiani di categoria, partecipare ai Campionati Europei e Mondiali Under 23 di Velocità per la Nazionale Italiana Canoa Kayak e ai Mondiali UNIVERSITARI conquistando un terzo posto sulla distanza del K2 500.

La visibilità accumulata e i risultati ottenuti stanno facendo risaltare la struttura del Palacus e il CUS MILANO in tutto il territorio nazionale.
La possibilità offerta dal CUS MILANO e la professionalità tecnica in continua crescita all’interno della sezione stanno attirando l’attenzione di atleti da tutto il territorio nazionale.

Gli atleti che hanno già manifestato l’interesse e la volontà d’accedere alla struttura facendo domanda per dar forza al settore sono:

  • Stefano Angrisani, classe ‘98, Verbania (VB)-Piemonte, universitario ed atleta della squadra nazionale di canoa kayak maratona Under 23;
  • Simone Bernocchi, classe ‘99, Cremona (CR)-Lombardia, atleta universitario della squadra nazionale di canoa kayak velocità Under 23.

Questa realtà ha aperto nuovi orizzonti per quei ragazzi di livello nazionale ed internazionale che stanno venendo a conoscenza di questa possibilità valutando sin dal primo anno di università la possibilità di far parte del Palacus. Atleti che attualmente non possono entrare in struttura per mancanza di spazio.

Sulla base di quanto detto finora risulta fondamentale la gestione della foresteria per la continua e futura crescita del settore canoa e della struttura.
Tutti i dati sono a favore del fatto che l’ambiente che si sta coltivando con il progetto “made in CUS MILANO”, facendo crescere direttamente all’interno della struttura atleti universitari di interesse nazionale, sta dando i suoi frutti e vitalità alla struttura.

Oltre ad incrementare quella che è la visibilità del Centro conferendogli prestigio su tutto l’ambito nazionale canoistico, diventando un importante punto di riferimento, è evidente come sia una realtà ancora tutta da esplorare ed espandere essendo solo agli inizi.
La potenzialità della sede è grandissima soprattutto adesso che la nuova realtà ha aperto nuovi orizzonti.

PROGETTO: Ampliamento della foresteria atleti universitari di interesse nazionale

Il progetto parla da sé. Sono evidenti i risultati e la visibilità che la struttura ha acquisito in poco tempo.
Il progetto oltre a far bene alla struttura permetterebbe al CUS MILANO di raggiungere il mancato monopolio del medagliere ai CNU mancato a causa dell’assenza del settore femminile e canadese che affligge il settore Canoa Kayak e che andrebbe a completare le possibili medaglie d’oro per la conquista del medagliere e la vittoria dei CNU di settore (contribuendo in maniera più che positiva alla classifica generale dei CNU che vede già CUS MILANO fra i protagonisti).

È evidente come poi il settore riservato agli atleti universitari sia di traino anche per il resto del settore e della struttura in quanto tutti gli atleti della foresteria sono anche iscritti al settore federale.
Da un punto di vista di movimento invece, per chi vive la struttura h24, la presenza di ragazzi universitari, seri e con obiettivi importanti sia nel percorso universitario che sportivo sia di buon esempio per i ragazzi più giovani che frequentano e praticano lo sport all’interno della struttura e di tutte le famiglie che ne vengono a conoscenza.

Accordi FICK

Il movimento e gli sforzi sostenuti da parte del settore e del CUS MILANO hanno attirato l’attenzione anche dei vertici e dei Consigli Regionali della Federazione Italiana Canoa Kayak.
A testimonianza di quanto detto il Comitato Lombardia Fick ha fatto esplicita richiesta di delocalizzare la gestione e il centro dei test regionali ed interregionali di Canoa Kayak dall’Idroscalo Club (società sulle rive dell’idroscalo di Milano detentrice del monopolio organizzativo del bacino) al PalaCUS.

Possibilità future

Come citato precedentemente è importante per il settore e per il CUS MILANO mettere in risalto questa realtà rimasta all’oscuro per molti anni agli occhi della gente e degli sportivi.
La visibilità ottenuta dalla struttura negli ultimi anni è stata accolta da molti atleti come concreta possibilità di continuare un percorso universitario e sportivo di alto livello, possibilità non esistente da prima dell’apertura della foresteria.

L’attenzione che sta ricadendo sul PalaCUS fa pensare alla possibilità di poter inoltre ospitare raduni collegiali e nazionali delle nazionali italiane giovanili UNDER 23 e JUNIOR Canoa Kayak, già presenti sul bacino milanese e ospitate per deposito barche e palestra dall’Idroscalo Club quest’estate per la preparazione dei campionati europei e mondiali.

Se così fosse questo darebbe la possibilità a futuri ragazzi/e universitari di livello sportivo nazionale ed internazionale di conoscere da vicino la realtà proposta da CUS MILANO all’interno del PalaCUS attirando a sé possibili future leve del settore nonché utilizzatori della struttura.

Cosa ha intenzione di fare il settore canoa ?

Questa realtà sempre in via di crescita ha permesso ai ragazzi che vivono nella struttura h24 di ampliare nuovi orizzonti e dare vita a nuove idee arricchendo positivamente quelle che erano già le visioni del settore:

  • Promuovere la struttura ed il settore non solo attraverso dépliant ma con stand e presenza atleti universitari e materiale tecnico (canoe da competizione marcate CUS MILANO, pagaie, pagaiergometri, ecc…) che fanno parte di questa realtà all’interno delle aree universitarie di Milano con particolare attenzione alla zona Città studi molto vicina al PalaCUS.
  • Gli atleti che stiamo ospitando sono atleti che girano per circuiti internazionali ampliando ulteriormente il prestigio e visibilità del CUS MILANO dando così vita a possibili sponsorizzazioni future in aiuto al settore e alla struttura;
  • In aiuto al settore la nuova gestione del bar situato all’interno del PalaCUS che si sta già muovendo per promuovere eventi per studenti universitari e non solo e far conoscere il PalaCUS.

Conclusioni

Non esistono conclusioni se non la certezza che il progetto a cui CUS MILANO ha dato vita sta funzionando.
Esiste la consapevolezza che in due anni sono stati fatti grandi passi in avanti solo con riorganizzazione per lo più tecnica e organizzativa legati alla sezione Canoa che strutturale del PalaCUS.

Di conseguenza la conclusione non è altro che una grande domanda:
se in due anni è stato possibile tutto questo, quali traguardi e obiettivi possono essere raggiunti da CUS MILANO e dalla sezione Canoa e che posizione e punto di riferimento può diventare il PalaCUS? Siamo solo agli inizi…

Milano, 19/10/2018
I Dirigenti della sezione canoa del Cus Milano